Come Smettere di Lamentarsi

C’è un abitudine forte che forse più delle altre usiamo come giustificazione alle nostre azioni o non azioni. La lagna, o per meglio dire l’arte di lamentarsi. Non c’è occasione o motivo che non susciti in noi l’attitudine a lanciarsi in una serie di lamentazioni cantilenanti su tutto quello che ci infastidisce. Dal tempo alle tasse, dal vicino rumoroso, ai colleghi di lavoro, fino alla più sottile scusa che non abbiamo avuto l’occasione giusta per dimostrare quello che valiamo, siamo capaci lagnarci ad ogni piè sospinto.

Lamentarsi è come una valvola di scarico che ci consente al momento di abbassare la pressione di quel mondo esterno che percepiamo come una minaccia al nostro status. Ma nasconde un insidia molto pericolosa, blocca la capacità di prenderci la responsabilità delle azioni, impedendoci di fatto di agire e provare a modificare lo stato delle cose.

Cosa fare per invertire la tendenza a lamentarsi.
Cambiamo le nostre emozioni. Lamentarsi produce risentimento e rabbia e ci rende incapaci al cambiamento. Individuiamo le emozione negative e trasformamiamole in energia attiva.
Le difficoltà sono opportunità. Risolvere problemi che ci creano difficoltà accresce l’autostima e ci permette una migliore comprensione della realtà che ci circonda.
Essere obiettivi. Lamentarsi distorce la percezione della realtà. la tendenza a essere vittima di qualche ingiustizia porta a sottovalutare il valore di quello che possediamo.

Prendersi il tempo per cambiare e costruire un mondo a nostra misura senza lamentarsi e dare il meglio in ogni occasione è l’atteggiamento vincente per superare le prove che troveremo sul cammino dello sviluppo personale.