Come Risparmiare Energia Elettrica

Il risparmio energetico, oltre a rappresentare un tema di grande attualità legato al rispetto e alla tutela dell’ecosistema, è anche direttamente collegato alla necessità di stringere la cinghia a causa della crisi economica. Vediamo dunque come poter agire per risparmiare energia mentre siamo a casa.

Mentre siamo a casa, è possibile mettere in pratica diverse azioni volte al risparmio energetico, che si tratti di luci, gas, calore e via dicendo. Partiamo dai consumi degli elettrodomestici, mostri divoratori d’energia.

I nostri elettrodomestici consumano molto e, ormai, ne abbiamo tanti: frigorifero e lavatrice di default, aggiungendoci poi lavastoviglie, forno, scaldabagno elettrico, microonde, robot da cucina e via dicendo.

Ma sono tutti a risparmio energetico? La loro classe energetica, cioè, permette un risparmio e una dispersione limitata?

La prima cosa da fare sarebbe dunque quella di rimpiazzare i nostri elettrodomestici più datati con apparecchi nuovi di cui sia comprovata l’efficienza, che risiede anche nel limitato consumo di elettricità a parità di prestazioni. In questo ci vengono in aiuto le famose etichette energetiche.

Si stima che in Italia il frigorifero consumi il 3,5% dell’energia nazionale. Un dato preoccupante, se pensiamo che questa percentuali supera i trasporti nazionali…

Dunque, c’è qualcosa che non va nei nostri consumi.

In cucina, ognuno di noi può limitare le cattive abitudini, come quella di aprire inutilmente il frigorifero o utilizzare il forno elettrico non ventilato. Oppure di utilizzare più luci contemporaneamente o tenere costantemente accesa la cappa anche quando non serve, solo per abitudine…

Anche per quel che concerne il calore, è opportuno risparmiare energia riducendo le dispersioni servendosi di apparecchi ad alta efficienza. Così facendo, secondo diversi studi, ogni famiglia può risparmiare dal 20 al 40% delle spese per riscaldamento, con notevoli vantaggi per il bilancio economico familiare, oltre che per l’ambiente (il 30% della spesa energetica in Italia dipende dalle abitazioni, responsabili del 27% delle emissioni nazionali di gas serra). Mica poco…

E infine, l’illuminazione. Innanzitutto, optate per la fonte d’illuminazione migliore in base al consumo e all’uso che ne viene fatto in quella stanza. Sì alle lampadine al risparmio energetico e ai sistemi di domotica per controllare e calcolare movimenti e consumi, evitando sprechi inutili come quelli di lasciare le luci accese per compagni o per mostrare che in casa c’è qualcuno…